GIARDINO ZEN D’AUTUNNO

materiali:

  • un vassoio in cartoncino contenitore di merendine (oppure una vaschetta in polistirolo o un vassoio)
  • 3 tappi di sughero
  • 4 stuzzicadenti di legno lunghi 20 cm
  • 3 stuzzicadenti
  • piccole foglie, sassolini, piccole pigne, pezzetti di corteccia, legnetti
  • farina di semolino (300 gr circa in base alla grandezza della vaschetta) oppure di mais o sale

età: dai 6/7 anni

Argonautalab_montessori_giardino zen

Oggi vogliamo proporvi un’ idea dalle origini orientali, rivisitata a modo nostro, per aiutare i bambini a concentrarsi, sviluppare precisione del braccio e della mano, creare composizioni creative, rilassarsi.

Si tratta del bonseki, l’arte di realizzare dei mini giardini giapponesi da tenere sulla scrivania o in un angolo rilassante della casa. I vassoi bonseki sono originati dai karesansui (giardini giapponesi indicati anche come giardino secco o giardino zen) caratterizzati dall’assenza di acqua, dove vengono utilizzati sassi, ghiaia, sabbia modellate per rappresentare le onde dell’acqua.

Il giardino Zen è un’opera in continuo cambiamento, che è possibile elaborare a seconda del momento e col tempo imparare anche a capire meglio il proprio stato d’animo osservando i cambiamenti del giardino.

Il mini giardino Zen deve essere riposto in un luogo tranquillo della casa, un posto comodo a cui accedere, un angolo dove sedersi, rilassarsi e meditare, lontano dal caos e dallo stress.

Noi ve lo proponiamo in tema con la stagione autunnale utilizzando come base il semolino dal colore giallo tenue, ma potete usare anche farina di mais o farina di castagne o sale.

Argonautalab_montessori_giardino zen_

Per creare il proprio giardino Zen da tavolo la prima cosa che serve è un contenitore, potete usare qualsiasi cosa come un sotto vaso, una ciotola, un vassoio, una vaschetta, qualsiasi oggetto che possa contenere comodamente un centimetro o due di sabbia o farina. Noi abbiamo usato una vaschetta di cartoncino che conteneva merendine e l’abbiamo abbellita con nastro colorato lungo i 4 lati. Versate il semolino all’interno. Poi in una scatolina disponete il materiale per decorare: sassolini, legnetti, piccole foglie, piccole pigne e  cambiare la disposizione e l’armonizzazione delle composizioni infinite volte.

Ora vediamo come realizzare gli strumenti utili a tracciare le onde e i segni che si desidera per arricchire il piccolo giardino.

1- Prendete il primo tappo di sughero e tagliatelo come in foto per ottenere il rastrello livellatore. poi inserite lo stuzzicadenti per fare il manico.

2- per fare il rastrello tagliate gli stuzzicadenti piccoli a circa due cm di lunghezza dalla punta. tagliate un altro tappo come il primo e inserite alla base 5 pezzetti di stuzzicadenti tagliati. Inserite il manico.

3- per il terzo strumento tagliate un altro tappo come i precedenti e col coltello tagliate a zig zag l’estremità. Infilzate con lo stuzzicadenti lungo.

4- uno stuzzicadenti semplicemente accorciato può essere utile a tracciare linee e punti di precisione.

Argonautalab_montessori_giardino zen__

Ora che gli strumenti sono pronti date tutto al bambino e spiegategli che deve:

  • scuotere leggermente la vaschetta o vassoio per livellare la sabbia
  • rastrellarla in orizzontale
  • posizionare gli oggetti a disposizione collocandoli con l’obiettivo di creare armonia
  • formare sentieri o scie o piccoli disegni sulla superficie della sabbia con gli strumenti costruiti

Questa attività che viene considerata una vera e propria pratica di meditazione, lo aiuterà a concentrarsi sulla sabbia e sulle figure che può realizzare, e sul piacere estetico e compositivo che ne deriva entrando in uno stato di calma, serenità e pace interiore.

Interessante vero? Continuate a seguirci per altre idee divertenti e formative.